Salta la navigazione
Torna alla panoramica delle guide

Cosa significa avere una temperatura corporea elevata?

Febbre - GUIDA - SHOP FARMACIA

Cos’è la febbre?

Normalmente la nostra temperatura corporea non supera i 37,4°C. Ciò è garantito dal centro termoregolatore, il cosiddetto ipotalamo. Tuttavia, a volte aumenta, perché ad es. gli agenti patogeni sono entrati nel nostro organismo. L’incremento della temperatura corporea rappresenta un meccanismo di difesa del corpo contro virus e batteri. Questo vale sia per un raffreddore piuttosto innocuo che per una grave infezione.

La febbre è quindi una reazione corporea importante e comporta dunque un vero e proprio aumento del metabolismo. In alcuni casi, anche i muscoli sono chiamati a produrre calore: può così capitare di avvertire brividi. Inoltre, i vasi sanguigni risultano ristretti (ad es. su braccia e gambe) in modo che si perda meno calore possibile.

La temperatura corporea più elevata provoca la morte di virus, batteri o altri parassiti, perché non possono tollerare temperature superiori ai 37°C.

A quanto può arrivare la febbre?

I medici distinguono tra diversi livelli di febbre (misurati per via rettale):

  • Temperatura corporea normale: da 36,3 a 37,5°C (tutto a posto! niente febbre!)
  • Temperatura subfebbrile: da 37,6 a 38°C (ora è importante riguardarsi!)
  • Febbre leggera: da 38,1 a 38,5°C (misurare la temperatura regolarmente, riguardarsi)
  • Febbre moderata: da 38,6 a 39,0°C (se dura più di tre giorni, consultare un medico)
  • Febbre alta: da 39,1 a 39,9°C (se dura più di 24 ore, andare subito da un medico!)
  • Febbre molto alta: da 40,0 a 42,0°C (recarsi immediatamente dal medico o al pronto soccorso)

Se si desidera monitorare l’andamento della febbre, è necessario misurare sempre alla stessa ora del giorno (mattina e sera). Prima di procedere alla rilevazione della temperatura corporea, inoltre, è importante attendere almeno 20 - 30 minuti dopo aver fumato, mangiato o bevuto un liquido caldo o freddo.

Febbre nei bambini

Nei neonati, si definisce febbre quando la temperatura corporea raggiunge i 38°C, dato che il loro sistema di termoregolazione non è ancora completamente sviluppato. Si possono infatti verificare temperature comprese tra 38 e 39°C senza che vi sia una malattia grave.

 

A volte succede qualcosa di terrificante: il bambino soffre di una crisi epilettica, perde conoscenza e tutti i muscoli si contraggono. Di solito una tale convulsione febbrile è innocua e può verificarsi con febbre elevata o in rapido aumento. Tuttavia, se una tale convulsione febbrile si verifica per la prima volta, è necessario chiamare immediatamente il medico di emergenza. È importante che una malattia grave possa essere esclusa.

Ci sono diversi segnali con cui accorgersi se il proprio bambino ha la febbre:

  • La faccia è rossa e calda?
  • La pelle è pallida e fresca?
  • Il bambino sembra stanco e svogliato?
  • Il bambino si lamenta più del solito?
  • È spesso assonnato?
  • Non ha più voglia di mangiare?

Si consiglia di portare il piccolo dal medico e di farlo visitare per vedere se è affetto da qualche malattia. Spesso la febbre è innocua, perché molti neonati e bambini hanno occasionalmente la febbre senza essere gravemente ammalati.

Misurare correttamente la febbre

Posizionare il termometro sotto l’ascella o in bocca sono metodi classici per misurare la febbre. Tuttavia, sono piuttosto imprecisi e in singoli casi il valore misurato tende ad essere troppo alto. Il modo più preciso di misurare la temperatura è la lettura rettale (= misurazione rettale). Si consiglia di misurare la temperatura corporea a riposo, cioè non direttamente dopo l’esercizio fisico.

Esistono termometri speciali per la misurazione della febbre che si puntano nell’orecchio o sulla fronte. Tuttavia, nei bambini è meglio effettuare una misurazione rettale per ottenere un valore più esatto.

È consigliabile applicare sulla punta del termometro e sull’ano un po’ di olio vegetale per poi inserirlo delicatamente.

I termometri digitali sono ideali perché segnalano la fine della misurazione, che richiede meno di un minuto, con un segnale acustico. Per i bambini vale la seguente regola: tenere il termometro fermo durante la misurazione in modo che il bambino non si faccia male.

Per pulire il termometro fare riferimento alle istruzioni d’uso. Esistono anche cappucci di protezione per il termometro, che si gettano via dopo la misurazione rettale. Normalmente è sufficiente pulire il termometro dopo l’uso con un po’ di acqua saponata e un panno morbido.

Febbre - qual è la causa dell’aumento della temperatura?

La febbre è sempre un sintomo, ad es. non esiste una malattia chiamata febbre, ma ci sono certamente malattie in cui la febbre si manifesta. La febbre non ha un andamento uniforme, ma è soggetta a fluttuazioni della temperatura che possono fornire importanti indizi sulle malattie eventualmente presenti.

 

  1. Febbre continua: la temperatura oscilla di circa 1°C tra la mattina e la sera. Ciò è tipico per le infezioni batteriche (ad es. polmonite o scarlattina).
  2. Febbre remittente: la temperatura è da 1 a 2°C più bassa al mattino rispetto alla sera, ma non scompare mai completamente. Questo è tipico, per esempio, per le infiammazioni dei bronchi o del bacino renale.
  3. Febbre intermittente: la temperatura corporea oscilla nell’arco delle 24 ore con fluttuazioni superiori a 2°C, può scendere anche sotto i 37°C al mattino e vi sono momenti di totale apiressia spontanea (senza febbre). Ciò è tipico, per esempio, in caso di avvelenamento del sangue o di pleurite.
  4.  Febbre ondulatoria: si tratta di un decorso ondulatorio, tipico delle infezioni batteriche, ad esempio come la brucellosi (agenti patogeni che passano dagli animali all’uomo attraverso il consumo di carne infetta o il contatto con animali infetti, tra cui capre, maiali o bovini) o come nel caso della malattia di Hodgkin (una patologia maligna del sistema linfatico).
  5. Febbre ricorrente: tra gli attacchi di febbre ci sono sempre giorni di apiressia, a volte anche una settimana o due. Può essere dovuta ad un’infezione causata da batteri del genere Borrelia. Inoltre, l’andamento della febbre ricorrente è tipico della malaria.
    Se la febbre si presenta con brividi, il medico può anche trarre conclusioni su una possibile malattia, tra cui:
  • Influenza
  • Polmonite batterica
  • Avvelenamento del sangue
  • Pielonefrite

Particolarità: febbre di causa sconosciuta

Se non si riesce a trovare una causa e qualcuno soffre comunque di febbre con temperature superiori ai 38,3 °C per più di tre settimane, molto probabilmente si tratta di una "febbre di origine sconosciuta" (=FUO – fever of unknown origin). In questo caso, si tratta di infezioni non scoperte, di malattie tumorali o reumatiche, ma anche di infezioni da HIV.

Anche i medicinali possono causare febbre, perché il corpo è ipersensibile ai principi attivi in essi contenuti. Ciò può verificarsi, ad esempio, per i farmaci drenanti (detti diuretici), gli antidolorifici, gli antibiotici o i tranquillanti.

Cosa fa il medico in caso di febbre?

In generale, il medico non cura la febbre ma la malattia che la scatena. Una volta curata, anche la febbre si abbassa. La febbre è sempre e solo un sintomo, quindi il medico provvederà anche ad un esame fisico approfondito e ad ulteriori diagnosi per scoprire il motivo della febbre. Da innocui (raffreddori) alle malattie più gravi (tumori, embolia polmonare, infiammazione delle valvole cardiache) - dietro la febbre può nascondersi un gran numero di malattie che devono essere diagnosticate.

Cosa aiuta contro la febbre?

  • Febbre fino a 39°C – se la causa è stata chiarita e trattata, non è necessario adottare ulteriori misure. Spesso la causa scatenante è una malattia infettiva o un’infiammazione che può essere trattata, ad esempio, con farmaci antinfiammatori.
  • Febbre sopra i 40 °C – è assolutamente necessario un intervento medico immediato.
  • Febbre persistente (oltre 2 o 3 giorni) – anche in questo caso è necessario consultare un medico.

Abbassare la febbre con rimedi casalinghi


Assunzione di liquidi: la febbre prevede l’assunzione di molti liquidi. Per ogni grado superiore a 37°C, si dovrebbe bere da mezzo litro a un litro in più (preferibilmente acqua o tè alla frutta non zuccherato). Non dimenticarsi di bere comunque la normale quantità di circa 2 litri al giorno.

Refrigerare/abbassare: gli impacchi ai polpacci rappresentano un mezzo sicuro per abbassare la febbre. Dei panni umidi (imbevuti di acqua tiepida) vengono avvolti strettamente intorno ai polpacci. Gli impacchi possono restare applicati fino a circa 5 minuti. Inoltre, possono essere ripetuti fino a 3 volte al giorno.

Riposo a letto: se si ha la febbre bisogna riposare, perché il corpo è impegnato a difendersi dagli agenti patogeni e ha bisogno di molta forza per combattere l’influenza in corso.

Anche i bambini dovrebbero bere di più quando hanno la febbre. Un consiglio utile è bere molti liquidi (acqua, succhi di frutta, tè, tisane, brodi). Il bambino dovrebbe stare a riposo e mangiare cibo facilmente digeribile (ad es. porridge o riso). Gli impacchi ai polpacci sono un ottimo rimedio casalingo per far abbassare la febbre. Per i bambini sono disponibili antipiretici a dosaggio adeguato sotto forma di supposte, gocce, o simili. Questi vanno somministrati solo in accordo con il medico o su ordine di quest’ultimo.

Farmaci per la febbre


Acido acetilsalicilico
, paracetamolo, ibuprofene o diclofenac sono probabilmente i più noti farmaci usati per il trattamento della febbre. Questi principi attivi sono efficaci anche contro il mal di testa e/o gli arti doloranti che spesso li accompagnano e sono disponibili sotto forma di compresse, succhi di frutta, supposte e altre forme di dosaggio.

Tuttavia, non tutte le febbri devono essere abbassate immediatamente. La febbre è una sana reazione difensiva del nostro corpo agli agenti patogeni e normalmente scompare quando la malattia in corso migliora. La febbre rappresenta spesso un campanello d’allarme che indica che è meglio mettersi a riposo e non riprendere l'attività fisica fino alla completa guarigione. Tuttavia, se si ha una febbre di quasi 40 gradi per più di tre giorni, è necessario consultare un medico.

Prodotti sul tema febbre

Mostra tutti i risultati

Consiglio esperto: Theresa Holler

Consiglio esperto: Theresa Holler

"Ci sta particolarmente a cuore consigliare e informare ciascuno dei nostri clienti. La guida fornirà molti argomenti sul tema della salute - studiati e scritti dal nostro team di esperti."

Theresa Holler, in qualità di farmacista responsabile, appoggia e sostiene, insieme alla sua grande squadra di farmacisti, la nostra guida online. Quest’ultima fornisce informazioni e consigli utili su tanti argomenti riguardanti la salute e il benessere. La guida di SHOP FARMACIA non solo, dunque, fornisce spunti e suggerimenti su tante patologie, ma anche importanti consigli dei nostri farmacisti su farmaci comprovati.