Salta la navigazione
Torna alla panoramica delle guide

Flora intestinale - come mantenere sana la flora intestinale?

Flora intestinale - GUIDA - SHOP FARMACIA

Cos’è e a cosa serve la flora intestinale?

Innumerevoli microrganismi, soprattutto batteri, popolano l’intestino umano. L’insieme di tutti questi microrganismi è detto flora intestinale o microbioma. La flora intestinale rappresenta un sistema ecologico estremamente complesso, composto da almeno 500 specie batteriche differenti. In condizioni normali, esiste una simbiosi equilibrata tra l’organismo e la flora batterica intestinale (eubiosi). Il corpo umano fornisce ai batteri della flora intestinale condizioni di vita ottimali. Il microbiota (flora intestinale), a sua volta, svolge varie funzioni importantissime per il benessere generale dell’organismo.

Nel corso della vita umana un numero crescente di organismi si insediano nell’intestino. Come risultato, la flora intestinale è esposta a continui cambiamenti. L’intestino umano è ancora sterile prima della nascita, cioè privo di microrganismi. La colonizzazione batterica dell’intestino inizia immediatamente dopo la nascita e nelle prime settimane successive. Il processo di colonizzazione varia a seconda che un bambino nasca con parto naturale, con cesareo e che sia allattato al seno o meno. La maggior parte dei microrganismi vivono nell’intestino crasso, dove trovano le condizioni ideali per proliferare. L’equilibrio del microbiota intestinale inizia a svilupparsi solo a partire dalla prima infanzia. Questa composizione individuale della flora batterica accompagnerà l’individuo nel resto della vita.

La maggior parte dei microrganismi della flora intestinale sono i cosiddetti batteri anaerobi. Costituiscono circa il 99% di tutti i germi intestinali e non hanno bisogno di ossigeno per il loro metabolismo. Il loro habitat anaerobico assicura che nessun agente patogeno possa insediarsi e diffondersi nell'intestino.

La flora intestinale svolge, inoltre, un ruolo chiave nella regolazione dell’intero sistema immunitario. La maggior parte di tutti gli anticorpi sono infatti prodotti nella mucosa intestinale. In questo caso si parla del sistema immunitario associato all’intestino. Quest’ultimo può essere indebolito, se la composizione microbica della flora intestinale è disturbata.

Cosa può influire sull’equilibrio della flora intestinale?

La composizione dei microrganismi della flora intestinale si basa su un delicato equilibrio tra batteri protettivi e potenzialmente patogeni. Questo equilibrio può essere compromesso per vari motivi. In questo caso, si parla di disbiosi o disbatteri.

Le cause alla base di un’alterazione della flora batterica intestinale possono essere diverse; le più comuni sono:

  • Assunzione di farmaci (ad es. antibiotici, cortisone, antidolorifici, lassativi o inibitori della pompa protonica)
  • Dieta ricca di zuccheri e grassi (soprattutto proteine animali)
  • Dieta a basso contenuto di fibre
  • Stress persistente

L’equilibrio della flora microbica intestinale può essere compromesso anche da un’alimentazione che provoca l’acidificazione del tratto digerente. Allo stesso modo, un pH alcalino dell’intestino, può anche danneggiare la mucosa intestinale. Un microbiota sano ha un valore di pH compreso tra 6 e 7.

Inoltre, si sospetta che metalli pesanti, additivi chimici o residui di pesticidi negli alimenti causino danni permanenti all’equilibrio della flora intestinale.

Quali sono i sintomi di una flora intestinale non in equilibrio?

Se per qualsiasi motivo è disturbato l’equilibrio della microflora, alcuni germi possono propagarsi liberamente, causando danni alla mucosa intestinale. Di conseguenza, il sistema immunitario può essere notevolmente indebolito. I sintomi diffusi di una flora intestinale danneggiata sono:

 

  • Diarrea
  • Costipazione
  • Flatulenza o stomaco gonfio
  • Dolore addominale
  • Nausea e vomito
  • Acidificazione
  • Intolleranza al lattosio
  • Sovrappeso
  • Stanchezza persistente
  • Mal di testa
  • Dolori articolari e muscolari
  • Suscettibilità alle infezioni
  • Irrequietezza, irritabilità e insonnia

 

Molte malattie autoimmuni, in particolare le malattie infiammatorie intestinali - come la sindrome dell’intestino irritabile, il morbo di Crohn o la colite ulcerosa - sono direttamente associate ad una flora intestinale disturbata. Anche le allergie, le intolleranze e l’obesità sono strettamente correlate ad uno squilibrio del microbiota intestinale. La misura in cui altre malattie croniche, come il diabete, la depressione, l’emicrania o i tumori, possono essere attribuiti ad una flora intestinale danneggiata è controversa e non è stata ancora chiarita in modo definitivo.

Come stabilizzare e ripristinare la flora intestinale?

Si può ricorrere a diversi metodi per favorire il corretto ripristino della flora batterica intestinale. Nella maggior parte dei casi, tali misure sono precedute da una pulizia intestinale prima dell’effettivo ripristino del microbiota intestinale. Oltre ai metodi di rigenerazione della flora intestinale, esiste anche la possibilità di intervenire a scopo preventivo contribuendo a proteggere la salute della flora intestinale.

L'uso corretto degli antibiotici

Gli antibiotici sono essenziali per il trattamento di molte malattie infettive batteriche. Tuttavia, un uso eccessivo e spesso scorretto di questi farmaci può causare fenomeni di resistenza agli antibiotici, perdendo la loro efficacia. Inoltre, gli antibiotici possono avere un effetto negativo sulla composizione della nostra flora intestinale attaccando batteri importanti e, di conseguenza, alterandone l'equilibrio.

È quindi importante utilizzare gli antibiotici con cautela. Nei casi in cui il trattamento con antibiotici è inevitabile, è importante ripopolare l’intestino con batteri salutari per ridurre gli effetti collaterali del trattamento (terapia di risanamento dell’intestino).

Depurare l’intestino e ripristinare il microbiota

Con pulizia intestinale si intende l’eliminazione di germi e tossine nocive dal tratto intestinale. Le cure disintossicanti sostengono questo processo. I semi di psillio sono, per esempio, un alimento ricco di fibre che favorisce la funzione autopulente dell’intestino. Anche l’argilla naturale facilita la purificazione dell’intestino. Nell’intestino, l'argilla assorbe le tossine e i batteri cattivi.

La disintossicazione è seguita dal ripristino del microbiota intestinale. Si tratta di un ripristino mirato della flora intestinale attraverso l’assunzione di lattobacilli e bifidobatteri. Chiunque desideri risanare il proprio intestino può ricorrere a vari prodotti alimentari, in particolare probiotici e prebiotici. Alimenti basici (alcalini), frutta e verdura fresca aiutano a pulire l’intestino. Per ripristinare la flora batterica e un transito regolare, occorre bere molti liquidi, tra cui acqua e tisane. Inoltre, si possono seguire programmi alimentari e di detossicazione, consigliati dagli esperti di nutrizione.

Probiotici e prebiotici

I probiotici sono batteri promotori di salute, come i lieviti o i batteri dell'acido lattico (lattobacilli). Si trovano in alimenti come lo yogurt o i crauti. Si possono trovare probiotici anche sotto forma di integratori alimentari o farmaci. I probiotici sono consigliati quando si assumono gli antibiotici per il ripristino della flora intestinale. Inoltre, promuovono la colonizzazione di importanti bifidobatteri (batteri buoni) nell'intestino.

I prebiotici sono componenti non digeribili degli alimenti, come le fibre alimentari solubili, che stimolano positivamente l’attività intestinale. In particolare, favoriscono la crescita di batteri benefici dell’intestino crasso, contribuendo così a ripristinare un sano equilibrio della flora intestinale. I prebiotici più utilizzati sono le inuline che abbondano in alcuni alimenti: carciofi, asparagi, cicoria, topinambur, pastinaca, frumento, orzo, avena per cui dobbiamo incorporarli nella nostra dieta quotidiana. Anche la destrina di mais è un’ottima fonte di prebiotici.

Semplici accorgimenti per una flora intestinale sana

1. L’alimentazione è la chiave per il benessere del nostro intestino. Una dieta equilibrata con alimenti naturali ha un effetto positivo sulla flora intestinale. Si raccomanda in particolare una dieta povera di grassi e ricca di fibre.

2. Il kefir e il kombucha sono considerati consigli segreti aventi un effetto particolarmente benefico sulla nostra flora intestinale, nutrendola e rafforzandola

3. Anche alcune erbe e spezie hanno un effetto positivo sulla flora intestinale. Consigliati sono tè a base di anice, cumino o finocchio.

4. Evitare un’alimentazione sbilanciata con un consumo eccessivo di grassi, zucchero, caffè e alcol. Si consiglia invece una dieta equilibrata in micro e macronutrienti, ricca in frutta, verdura e cereali integrali.

5. Infine, l’esercizio fisico regolare e la riduzione dello stress favoriscono l’attività gastrointestinale e quindi il mantenimento di una flora intestinale sana.

Misure terapeutiche contro la disbiosi intestinale

In casi gravi di disbiosi, può essere necessario un trattamento medico. Ciò vale in particolare quando le malattie croniche vengono attribuite ad un danno della flora intestinale e non possono essere curate tramite un cambiamento nella dieta e nello stile di vita. È consigliabile contattare un gastroenterologo che dispone di diverse possibilità di esame e trattamento. In alcuni casi, nonostante i loro effetti nocivi, è necessario prendere antibiotici per creare le condizioni per la crescita di batteri sani.

Analisi del microbiota intestinale

È possibile esaminare in modo molto dettagliato la composizione batterica della flora intestinale per individuare eventuali danni all’equilibrio del microbiota intestinale. A tal fine, è necessario prelevare un campione di feci e sottoporlo a prove in laboratorio.

Nell’ambito di un’analisi della flora intestinale, le feci vengono esaminate qualitativamente (coprocoltura) per identificare eventuali agenti patogeni (ad es. shigella e salmonella), responsabili di infezioni intestinali caratterizzate da frequenti episodi di diarrea. In secondo luogo, viene effettuata un’analisi quantitativa, determinando il numero dei singoli batteri della flora intestinale e la loro composizione. Inoltre, le analisi permettono di misurare il pH.

Un’analisi della flora intestinale può fornire informazioni importanti per una terapia mirata, favorendo il ripristino delle condizioni di equilibrio.

Trapianto di feci in caso di flora intestinale danneggiata

Una pratica medica a cui si ricorre per il ripristino della flora batterica che popola l’intestino è il cosiddetto trapianto fecale, chiamato anche batterioterapia fecale. La tecnica del trapianto di feci consiste nel prelevare materiale fecale da un donatore con flora intestinale sana e trapiantarlo nel tratto gastrointestinale di un paziente ricevente. I batteri presenti nelle feci di una persona sana possono ristabilire le normali funzioni dell’intestino di un soggetto malato aiutandolo, quindi, a guarire. Il trapianto può avvenire in vari modi.

Da un lato, i trapianti di feci vengono eseguiti nell'ambito delle operazioni. D'altra parte, i trapianti di feci possono essere eseguiti anche attraverso i clisteri. I trapianti di feci possono essere eseguiti nell’ambito di operazioni chirurgiche oppure tramite clistere. Lo scopo di un trapianto del microbiota fecale è quello di produrre degli effetti terapeutici, ciò il ricevente potrà trarre beneficio dei batteri buoni contenuti nella flora intestinale del donatore.

Dal momento che il trapianto di feci è ancora un approccio innovativo non del tutto privo di rischi, non rientra nello standard terapeutico ed è disponibile solo in poche cliniche e solo per il trattamento di malattie specifiche. Tuttavia, sono già stati raggiunti buoni risultati nel trattamento di gravi malattie infiammatorie intestinali.

Prodotti sul tema flora intestinale

Mostra tutti i risultati

Consiglio esperto: Theresa Holler

Consiglio esperto: Theresa Holler

"Ci sta particolarmente a cuore consigliare e informare ciascuno dei nostri clienti. La guida fornirà molti argomenti sul tema della salute - studiati e scritti dal nostro team di esperti."

Theresa Holler, in qualità di farmacista responsabile, appoggia e sostiene, insieme alla sua grande squadra di farmacisti, la nostra guida online. Quest’ultima fornisce informazioni e consigli utili su tanti argomenti riguardanti la salute e il benessere. La guida di SHOP FARMACIA non solo, dunque, fornisce spunti e suggerimenti su tante patologie, ma anche importanti consigli dei nostri farmacisti su farmaci comprovati.