Salta la navigazione
Torna alla panoramica delle guide

Misurazione della glicemia - come misurare correttamente la glicemia nel caso di diabete mellito

Misurazione glicemica - GUIDA - SHOP FARMACIA

Se la regolazione della glicemia è disturbata

Il livello di glucosio nel sangue (glicemia) descrive la percentuale di glucosio nel sangue. In soggetti sani, è in gran parte costante e si trova tra 80 e 120 mg/dl o 4,5 e 7 mmol/l. Prima e dopo aver mangiato, ci possono essere delle deviazioni a breve termine. Anche lo sforzo mentale e fisico, come per esempio lo sport, determina una variazione del livello di zucchero nel sangue.

Due ormoni, prodotti dalle cellule beta e alfa delle cosiddette isole di Langerhans all’interno del pancreas, sono responsabili della regolazione del livello di zucchero nel sangue. L’ormone insulina ha un effetto ipoglicemizzante, cioè riduce i livelli di glucosio nel sangue. L’ormone glucagone fa il contrario: converte il glicogeno del fegato in glucosio e aumenta nuovamente il livello di zucchero nel sangue.

Nei pazienti diabetici, la regolazione della glicemia è disturbata, poiché l’organismo non è in grado di produrre insulina (diabete di tipo 1) oppure perché il pancreas produce insulina che però non riesce a svolgere la sua funzione a causa della resistenza delle cellule bersaglio (diabete di tipo 2). I livelli di glucosio nel sangue devono pertanto essere controllati e bilanciati dall’esterno.

La regolazione dei livelli di zucchero nel sangue avviene per mezzo di farmaci che abbassano il glucosio nel sangue. Nel diabete di tipo 1 (insulino-dipendente), per mantenere la glicemia a livelli fisiologici, è assolutamente necessaria la terapia che prevede l’uso di iniezioni di insulina per tutta la vita. Nel diabete di tipo 2 (non-insulino-dipendente), la terapia prevede l’uso di antidiabetici, in alcuni casi in combinazione con insulina.

Perché è importante il controllo della glicemia?

Il controllo della glicemia nel sangue è importante per tre motivi. La prima cosa da fare è mantenere i livelli di glucosio nell’ambito dei valori normali. Sulla base dell’andamento dei valori di zucchero nel sangue, i pazienti diabetici e i loro medici possono trarre importanti conclusioni sul successo o meno della forma terapeutica adottata.

D’altra parte, l’abbassamento dei livelli di zucchero nel sangue gioca un ruolo importante per i diabetici nel contesto di ogni singolo pasto. Questo perché l’assunzione di carboidrati provoca un aumento del livello di glucosio nel sangue. Nelle persone sane ciò viene contrastato dal rilascio di insulina. L’insulina lega il glucosio e lo trasporta alle cellule, dove può essere convertito in glicogeno e immagazzinato. I diabetici, invece, dipendono dall'abbassamento artificiale del glucosio nel sangue che aumenta a causa dell’assunzione di cibo.

Infine, il monitoraggio costante della glicemia è importante per alcuni gruppi a rischio al fine di poter riconoscere il diabete in una fase precoce e trattarlo tempestivamente, se necessario.

Metodi di misurazione per determinare i valori di zucchero nel sangue

Ci sono diversi modi per misurare i livelli di glucosio nel sangue. Per controllare il diabete ci si può affidare ai centri di analisi, ma è possibile anche auto-monitorare la glicemia nel sangue. Esistono due unità distinte per indicare il livello di zucchero nel sangue, che tuttavia possono essere convertite facilmente l’una nell’altra. La misura espressa in milligrammi per decilitro (mg/dl) indica la concentrazione di glicemia nel sangue (milligrammi di glucosio per decilitro di sangue). L’unità di misura, millimoli per litro (mmol/L), non si riferisce al peso molecolare di zucchero nel sangue, ma al numero di molecole di glucosio presenti nel sangue.


Monitoraggio medico della glicemia

Il monitoraggio periodico della glicemia da parte di un medico è importante sia per i diabetici che per i pazienti a rischio. Sono considerati pazienti ad alto rischio tutti gli anziani, le persone in sovrappeso e coloro che hanno casi di diabete all’interno della propria famiglia.

Il medico può determinare sia il livello di glucosio nel sangue, sia il livello di glucosio nel plasma. La misurazione glicemica da parte del medico deve essere eseguita al mattino e a stomaco vuoto, il che significa che il paziente non deve aver mangiato nulla o consumato bevande zuccherate almeno 8 ore prima. Oltre al valore attuale della glicemia, il medico può anche misurare un valore particolare dell’emoglobina nel sangue: l’emoglobina glicosilata o glicata A1c (in sigla HbA1c). La misura della percentuale di HbA1c, consente di effettuare una stima della quantità di glucosio presente nel sangue (glicemia) negli ultimi 2-3 mesi. Più alta è la concentrazione media di glucosio nel sangue, più emoglobina glicata si forma. Questo test permette di effettuare una valutazione dell’efficacia della terapia in atto.

Oltre alla determinazione del livello di zucchero nel sangue, il medico può individuare anche altri parametri importanti, rilevanti per la diagnosi del diabete o per lo sviluppo della terapia. Questi includono, ad esempio, la tolleranza al glucosio, il livello di peptide C e la formazione di anticorpi specifici. Inoltre, un test delle urine può essere utile per individuare possibili danni renali strettamente correlati al diabete.


Automonitoraggio glicemico

Le procedure di automonitoraggio glicemico sono utilizzate dai pazienti diabetici per controllare regolarmente i livelli di zucchero nel sangue. Le persone che sono particolarmente a rischio di sviluppare il diabete possono monitorare i livelli di glucosio nel sangue tramite l’autocontrollo glicemico. Tuttavia, se i livelli di glucosio nel sangue sono significativamente elevati o sono elevati per un lungo periodo di tempo, è necessario consultare un medico per ulteriori chiarimenti.

Esistono molti dispositivi elettronici sul mercato che possono essere facilmente utilizzati per misurare il livello di zucchero dentro e fuori casa. Tutti i glucometri consentono di misurare la glicemia su una goccia di sangue capillare, ottenuto dalla puntura del polpastrello di un dito o sedi alternative.

Da un punto di vista tecnico, ci sono due diversi metodi in base ai quali funzionano la maggior parte dei dispositivi di autocontrollo:

  • Nei test fotometrici, una striscia reattiva preparata con il campione di sangue viene inserita nel misuratore. La striscia reattiva reagisce con il glucosio e cambia colore a seconda del contenuto di glucosio.
  • I misuratori amperometrici, invece, misurano la corrente che passa attraverso il sangue. Il glucosiocontenuto nel campione di sangue darà origine ad una reazione enzimatica ossidandosi grazie alla presenza dell'enzima glucosio-ossidasi nella striscia reattiva; tale ossidazione darà origine ad una corrente elettrica (a seconda del modello), tradotta informaticamente nel valore glicemico corrispondente.

In generale, l’autogestione della glicemia deve essere effettuata in stretta collaborazione con il medico curante, rientrante in un quadro terapeutico.


Quale glucometro scegliere?

La scelta del misuratore glicemico appropriato dipende dalle esigenze individuali. I vari dispositivi differiscono, da un lato, per dimensioni e utilizzo. Anche la quantità di sangue per il test richiesta e la durata della misurazione variano da dispositivo a dispositivo. Inoltre, alcuni dispositivi misurano in mg/dl, mentre altri in mmol/l.

Per i pazienti più anziani con problemi di vista, ad esempio, sono particolarmente adatti gli apparecchi con un grande display o un’uscita vocale. Alcuni dispositivi sono dotati di interfacce via cavo o wireless, in modo che i dati ottenuti possano essere facilmente inviati e memorizzati.

È consentita l’immissione in commercio e la messa in servizio nel territorio italiano dei dispositivi medici recanti la marcatura CE. Gli apparecchi che soddisfano la norma devono avere un’accuratezza con un margine di tolleranza definito. Con una concentrazione di glucosio di almeno 5,6 mmol/l (100md/dl), si può avere una deviazione massima del 15% in almeno il 95% di tutte le misurazioni. Se la concentrazione di glucosio è inferiore a 5,6 mmol/l, la deviazione non deve superare 0,8 mmol/l (15mg/dl). Inoltre, a partire dal 2017, tutti i dispositivi devono poter essere maneggiati senza istruzioni specifiche.

 

Anche se molti glucometri sono dotati di una memoria interna, è consigliabile compilare un diario glicemico, dove riportare i valori glicemici completi di data e ora della misurazione.

Quali sono i livelli di glucosio ideali nel sangue?

I livelli di zucchero nel sangue variano anche in soggetti sani. Il livello di glicemia a digiuno è sempre significativamente più basso che dopo un pasto.

Di seguito sono riportati i valori ideali secondo le linee guida raccomandate dalle associazioni mediche.

  • Valori ideali per adulti sani:

- Glicemia a digiuno  60 – 100 mg/dl     3,3 – 5,6 mmol/l

- 2 ore dopo pranzo  90 - 140 mg/dl      5,0 – 7,8 mmol/l

  • Valori ideali per bambini sani

- Glicemia a digiuno  65 – 100 mg/dl     3,6 – 5,6 mmol/l

- 2 ore dopo pranzo  80 – 126 mg/dl     4,5 – 7,0 mmol/l

  • Valori ideali per i pazienti con diabete di tipo 1

- Glicemia a digiuno  90 – 120 mg/dl     5,0 – 6,7 mmol/l

- 2 ore dopo pranzo  110 – 140 mg/dl   6,1 – 7,8 mmol/l

  • Valori ideali per i pazienti con diabete di tipo 2

- Glicemia a digiuno  100 – 125 mg/dl   5,6 – 6,9 mmol/l

- 2 ore dopo pranzo  140 – 199 mg/dl   7,8 – 11,0 mmol/l

L’obiettivo terapeutico specifico di un paziente diabetico può discostarsi significativamente dai valori ideali citati, che devono essere intesi solo come valori indicativi. L’obiettivo terapeutico individuale viene sempre stabilito in stretta collaborazione tra il medico e il paziente, tenendo conto delle circostanze specifiche.

Ulteriori aiuti per la misurazione e la regolazione della glicemia

Numerosi produttori di dispositivi per misurare la glicemia lavorano da tempo su soluzioni che consentono di misurare la glicemia senza pungere.

Il monitoraggio in continuo del glucosio (continuous glucose monitoring, CGM) è un sistema che attraverso un piccolo sensore posizionato nel sottocute, è in grado di misurare in continuo la concentrazione di glucosio nel sangue presente nel fluido interstiziale. Il sensore glicemico può essere indossato per una settimana. Alcuni sensori, impiantati da personale specializzato, devono essere sostituiti solo ogni tre mesi. Il sistema CGM determina il livello di glicemia in tempo reale e visualizza l’andamento del glucosio delle ultime 24 ore. Alcuni sistemi CGM possono anche essere collegati alle pompe per insulina, in modo che, se necessario, si verifichi un rilascio automatico di insulina.

Esistono altri dispositivi di misurazione che sostituiscono le iniezioni giornaliere con un sensore che deve essere impiantato solo ogni 14 giorni (ad es. il sistema di misurazione FreeStyle Libre, secondo cui il monitoraggio della glicemia è basato su sensore che misura costantemente i livelli di glucosio nei fluidi interstiziali). Su richiesta, visualizza sia il valore attuale che la cronologia delle ultime ore (Flash Glucose Monitoring System).

Recentemente è stato anche introdotto un dispositivo in grado di misurare i livelli di glucosio nel sangue senza pungere un dito e che dovrebbe essere presto disponibile sul mercato (glucometro combinato non invasivo). Sono in corso ricerche anche su altre soluzioni, come gli orologi da polso intelligenti che possono determinare i livelli di glucosio nel sangue.

Oltre ai misuratori della glicemia, sono disponibili app speciali su smartphone per pazienti diabetici e programmi informatici che aiutano a gestire meglio la malattia. Strumenti che permettono di tenere traccia delle rilevazioni del glucosio giornalmente, riuscendo ad avere una visione d’insieme dell'andamento della malattia. Inoltre, si può impostare l’app come un’agenda per avere un promemoria puntuale per le iniezioni di insulina o per non dimenticarsi i farmaci contro il diabete.

Prodotti sul tema misurazione glicemica

Mostra tutti i risultati

Consiglio esperto: Theresa Holler

Consiglio esperto: Theresa Holler

"Ci sta particolarmente a cuore consigliare e informare ciascuno dei nostri clienti. La guida fornirà molti argomenti sul tema della salute - studiati e scritti dal nostro team di esperti."

Theresa Holler, in qualità di farmacista responsabile, appoggia e sostiene, insieme alla sua grande squadra di farmacisti, la nostra guida online. Quest’ultima fornisce informazioni e consigli utili su tanti argomenti riguardanti la salute e il benessere. La guida di SHOP FARMACIA non solo, dunque, fornisce spunti e suggerimenti su tante patologie, ma anche importanti consigli dei nostri farmacisti su farmaci comprovati.